“H”ERA PROPRIO UNA BELLA COMPAGNIA!

Comunicato Stampa del M5S Soliera, Carpi e di tutti i comuni del bacino Aimag

NonHeraNostra

“H”ERA PROPRIO UNA BELLA COMPAGNIA!

Non è da ieri che il Movimento Cinque Stelle si oppone ad ogni ipotesi di fusione/cessione/vendita di Aimag al Gruppo Hera. Riprendendo il comunicato del Gruppo M5S di Carpi anche Soliera si associa all’iniziativa e conferma la propria contrarietà  perché difendiamo il patrimonio dei cittadini ed anche perché diventare “semplici fruitori di servizi di Hera” è sbagliato. Non avere il controllo della decisioni in campo ambientale è l’errore più grosso che possiamo fare come comunità poiché, con il controllo dei nostri servizi essenziali (acqua, gas, rifiuti) in mano ad Hera, la capacità di intervento sul territorio dei comuni si annullerebbe per sempre. I comuni rinuncerebbero alla propria sovranità. Del resto Hera è quotata in borsa e deve per forza operare per il profitto, non per il bene comune.

Coloro che hanno visto la puntata di Report di domenica 16 novembre hanno avuto una perfetta dimostrazione delle nostre ragioni ad opporci a qualsiasi collaborazione con Hera, in più di quelli già noti. Come ce la spiegate queste cose, compagni PD? compartecipazioni con società in odore di camorra, mancata bonifica di terreni inquinati su cui lavorano i propri dipendenti, ecc..

Se vi siete persi la puntata di Report vi consigliamo caldamente di rivederla in streaming, prima di varare l’ennesima dismissione di servizi pubblici di questa regione.

I sindaci di Carpi e Mirandola, purtroppo, hanno chiaramente lasciato intendere che all’interno delle dirigenze del PD si è deciso di imboccare la strada verso la dismissione e la vendita progressiva dei nostri asset pubblici. Sta del resto succedendo qualcosa di simile nei trasporti e nella sanità. Un tempo questi servizi erano invidiati alla nostra regione.

All’epoca del referendum comunale che nel 2008 manifestò la contrarietà dei cittadini di Carpi (comune delegato da tutti gli altri soci) alla vendita di una quota delle azioni di Aimag, il nostro sindaco di allora fu il primo ad esultare sui giornali perché….il referendum non aveva raggiunto il quorum.

Bel gesto!

Quelle azioni finirono ad Hera, un colosso interregionale che in questi sei anni non ha contribuito in nessun modo tangibile a migliorare i servizi di Aimag. Del resto come potrebbe? E’ più indebitata, meno evoluta (ha puntato sull’incenerimento dei rifiuti di mezza Italia), schiacciata dalla ricerca estrema del profitto ed ora sappiamo anche che è un società molto “sporca”.

Abbiamo sempre saputo che la vendita di una quota azionaria HERA il presupposto per aprire la strada della possibile cessione di Aimag, questa cosa nelle riunioni PD si dice ormai da anni, in pubblico invece no.

Ebbene: tutte le promesse fatte all’epoca della vendita delle azioni del 2008, a distanza di sei anni si sono rivelate delle frottole. Ed ora, dopo quello che la Rai ha mostrato su Hera, chiediamo ai Sindaci dei comuni soci di fare un’immediata retromarcia pubblica ed inequivocabile dal proposito di modificare l’assetto societario di Aimag Spa; perché, se non lo fate, vien da pensare che siete (e fin dal 2008 eravate) tutti quanti in perfetta malafede.

 

Annunci

Pubblicato il 20 novembre 2014 su Ambiente, Area Nord, Inceneritore. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: